La Storia

Pizzeria Sorbillo

Un’antica famiglia napoletana di 21 figli tutti Pizzaiuoli

Non poteva avere un destino diverso Anna Sorbillo attuale giovanissima titolare di quest’antico esercizio, erede di Luigi fondatore e capostipite dell’antica ed unica famiglia al mondo di 21 figli tutti pizzaioli.
Anna fa della sua attività uno “scopo” di vita per portare sempre al massimo questa tradizione che va avanti da tre generazioni.
Il successo è dovuto a due elementi sostanziali, materie prime di alta qualità e grande maestria d’esecuzione.
Il locale per nulla moderno (con pietre ai muri, tavoli in marmo e rame dalle forme piú incredibili) ma confortevole e fascinoso, ha come per incanto, “fermato il tempo”. Il motto di Anna è: qualità in quantità!
A tutti i visitatori un sentito benvenuto in un posto”storico” dove si è pizzaioli per tradizione ma professionisti per scelta!

Pe secule ‘e millenn’ ‘a pizza è stata ‘o magna de
puverìelli, è mò cà ll’a pruvate pure ‘a reggina
Margherita, è diventate pure ‘o magnà de ricchì.
‘A pizza, oggigiorno è trasuto pure dinte ‘e diete,
‘e diceno che ‘a pizza è nu pranzo completo,
è overo?
‘e io Salvatore Sticco napulitano verace, confermo,
pecchè, quasi spisso, me vene ‘o vulie
‘e ma magna ‘e pe soppontà lo stommaco, nu
juorno si ‘e uno no, me magna ‘a pizza, e quando
trase dinte ‘a pizzeria, ‘o sfizzio mio, cà maggia
mettere vicino ‘o bancone, pé guardà ‘o
pezzaiuolo quanne piglia ‘a pagnutella,
spanne ‘a pasta, po aggira ‘e avota, pigliannole ‘a
paccheri ‘e ‘a stenne cù ‘e pponte d’è ddete, pò
quanne ‘a fatta nà bella rota, piglia ‘a cucchiarella
‘e ‘nce mette ‘a pummarola, muzzarell ‘e
vasenicola ‘e cù a maestria nà ponta ‘e
furmaggio; ‘o cumpagno pizzaiuolo, mentre
aspetta, votta nà pala ‘e pampuglia dinte
‘o furno ‘a legna po antene ‘nfucato ‘e pe vedè
meglio ‘a pizza quanne se coce, po pronto cà pala
mmano pà furnà; ll’uocchie mie ‘a guardano ‘a
priesso ‘a priesso mentre trase dinte
‘o furno ………………… ‘e pò, nun veco ll’ora
e ma magna.
Da pizza, che v’aggia dicere cchiù?
che ‘a pizza è stata ll’invenzione cchiù bella ‘e
grossa che ‘a potuto esistere; ‘a conquistato
tuttom ‘o munno, pezzienti, milionati, rre ‘e
reggine è à gente ‘e tutte ‘e ceti.
Che ‘a pizza è di irigine divina.
‘A pizza &egrAave; storia, ‘a pizza e allerìa, ‘a pizza è
poesia e quanno si annammurato, ‘a cosa chiù
bella che ‘nce puo ddà all’ammore tuoie è
‘a pizza;
‘a pizza è nata pe nun murì ‘e nun murarrà
fin quanno ‘o munno nun vede fine.

 Pizzeria SorbilloPizzeria Sorbillo - La salaPizzeria Sorbillo